Nella stretta valle di Lueg (=tedesco antico: caverna, foro, conca) è esistito fin dalla metà del XIII secolo un"castello grotta", che venne menzionato per la prima volta con il trattato di pace del 1241 tra il Vescovo Egno von Brixen e il conte Alberto III.

Le pareti e il tetto della grotta si sono formati naturalmente dalla roccia, la grotta è stata completata da un muro merlato. La maggior parte della grotta è stata con la costruzione della ferrovia del Brennero 1864 - 1867. Lueg, già verso la fine del 13° secolo, era la dogana più redditizia del Tirolo. L'edificio dalla forma di castello, così come la "Pallhaus" vennero distrutti nel 1809. Ciò che resta è la chiesa di San Cristoforo e San Sigismondo. La cappella fu costruita nella metà del 15° secolo, mezzo secolo dopo venne eretta la torre nord. Tra il 1684 e il 1686, la chiesa fu ampliata in stile barocco. Dopo vari interventi nel corso degli anni,nel 1990 vennero iniziati ampi lavori di restauro, e nel 2013 ha trovato una sistemazione provvisoria.
Contatto
6156 Lueg